home | Faq |

L'Italia mantiene la sesta posizione nel mondo per numero di congressi associativi

Martedì 12 Maggio 2015

Sono state pubblicate ieri, 11 maggio, le statistiche globali sui meeting associativi, a cura di ICCA (International Congress and Convention Association), il network internazionale di cui Centro Congressi Padova A. Luciani è socio dal 2013.

Queste statistiche sono aggiornate annualmente e pubblicate nel mese di Maggio, in concomitanza con la fiera IMEX di Francoforte, sulla base dei dati forniti dai quasi 1.000 partner distribuiti nel mondo intero e dell’ufficio studi ICCA.
Le statistiche non coprono il totale dei meeting che si svolgono nel mondo ma solo quelli associativi, di almeno 50 partecipanti, che si svolgono periodicamente in almeno tre nazioni diverse.
Non sono presi in considerazione quindi i meeting aziendali e quelli governativi, nazionali o internazionali.

Si tratta comunque di uno spaccato interessante di un settore di mercato che genera un volume d’affari mondiale stimato in 10 miliardi di euro, di cui oltre 5,5 miliardi di euro in Europa.

Nel 2014 si sono svolti in Europa 6.316 congressi associativi sul totale degli 11.500 svolti nel mondo.
La tendenza negli ultimi due anni è di una leggera contrazione nel numero totale dei meeting (erano 12.483 nel 2012 nel mondo), ma con un aumento del volume di affari generato, grazie alla crescita delle quote di iscrizione, che segna un trend invece in costante crescita: ogni partecipante paga 517 euro in media per partecipare ad un congresso associativo. Si tratta solo della quota di iscrizione, mentre sono da conteggiare a parte le spese accessorie (voli, pernottamenti) e turistiche (ristoranti, musei, prolungamenti di soggiorno).

L’Italia, con 452 meeting ospitati,  è al sesto posto nella classifica mondiale dei meeting associativi ospitati, e al 5^ posto nella classifica europea, dietro a Germania (659 congressi associativi ospitati), Spagna (578) , Regno Unito (543) , Francia (533).
Siamo  invece davanti a Olanda, Austria, Svezia, Portogallo, Svizzera e Turchia.

 
< torna indietro