home | Faq |

Crescere grazie agli eventi? E’ possibile misurando il ritorno sull’investimento

Martedì 17 Marzo 2015

Che organizzare un evento comporti una spesa è un dato certo. Che vi sia anche con certezza un guadagno, e quale,  non tutti garantiscono. Il workshop sul tema “Come misurare il ritorno sull'investimento negli eventi “ ha acceso i riflettori su quali siano i processi da attivare per guidare la crescita con gli eventi nelle organizzazioni.

L’evento è un mezzo per comunicare, ha sottolineato
Enrico Belli nella relazione iniziale “Come misurare il ritorno sull’investimento negli eventi”.
Il successo di un evento può essere pianificato seguendo approcci diversi: il punto di vista dell’organizzatore o il punto di vista del partecipante. E’ infatti il partecipante il destinatario della comunicazione e, misurando – ad esempio con un questionario – il gradimento del partecipante rispetto a specifici obiettivi è possibile misurare se tutto ha funzionato.

Ma anche il mezzo va curato: ecco perché sono seguite due interessantissime relazioni, quella di Francesca Trevisi sui 3 errori più comuni nel parlare in pubblico e quella sulle slide perfette, preparata da Luca Baldi, che, non a caso, ha sorpreso la platea con una presentazione di forte impatto.
Ha concluso l’incontro il direttore di TGcom24 Alessandro Banfi che in videoconferenza da Roma ha sottolineato come oggi la parola sia esausta e vada quindi recuperato, con un approccio quasi umanistico, il contenuto della comunicazione. Il soggetto che riceve la comunicazione è fatto di razionalità ed emozioni, e si apre all’ascolto solo una volta attivati i cosiddetti “neuroni a specchio”.
< torna indietro