home | Faq |

Centro Congressi Padova socio fondatore di Italia Convention Bureau

Martedì 24 Giugno 2014

Unico a Padova e, insieme a Marca Treviso Convention Bureau, unici nel Veneto, Centro Congressi Padova è tra i soci fondatori di Italia Convention Bureau, rete di imprese  nata ufficialmente lo scorso 18 giugno.
Il progetto è stato promosso da Confesercenti-Assoturismo, Confturismo-Confcommercio, Federalberghi, Federcongressi&eventi, Federturismo-Confindustria, col pieno accordo dell’ENIT e delle Regioni rappresentate all’interno del Tavolo di coordinamento MICE, costituito a seguito del Protocollo di relazione per il coordinamento delle azioni per lo sviluppo dell’offerta congressuale italiana, stipulato un anno fa.

È bene sottolineare che non si tratta della nascita di uno dei tanti carrozzoni che affliggono il nostro sistema turistico. Parliamo infatti di una rete privata di imprese, anche a capitale misto, gestita con criteri imprenditoriali, che punta a valorizzare sul serio l’immagine del nostro Paese attraverso il settore congressuale. Oggi, senza particolari incentivi, l’Italia è al sesto posto della classifica ICCA per numero di congressi associativi internazionali che hanno scelto il nostro Paese nel 2013 (maggiori informazioni qui): immaginiamo quali posizioni potrebbe scalare con un adeguato coordinamento delle iniziative.

«È un traguardo importantissimo», dichiara la presidente dell’Italia Convention Bureau Carlotta Ferrari, «che non esito a definire storico, al termine di un cammino molto rapido , supportato da un’adesione oltre le aspettative e destinata a crescere con rapidità. Finalmente anche l’Italia, al pari delle grandi nazioni europee e non solo, ha un organismo che coordina e promuove la sua ricca offerta  per meeting ed eventi, offerta che i prospect stranieri apprezzano moltissimo, se si considera che il nostro Paese è una delle mete in assoluto preferite per l’incoming da tutto il mondo. Immaginiamoci cosa significa questo in termini di indotto e di rilancio dell’economia. La storia che comincia oggi è davvero nuova, e noi tutti faremo del nostro meglio per esserne all’altezza».
“Abbiamo convintamente aderito al progetto” dichiara il direttore del centro congressi Padova Riccardo Ruggiero “trainati dalla concretezza e determinazione del gruppo di lavoro capitanato dal presidente di Federcongressi&eventi Mario Buscema e contiamo di portare presto a Padova nuovi eventi internazionali anche grazie a questo nuovo canale di rappresentanza internazionale”.
“Centro Congressi Padova già oggi da solo attrae eventi internazionali” aggiunge Enrico Belli, responsabile delle candidature internazionali del centro congressi “che pesano dal 10 al 20% del fatturato annuale con ricadute sulla città nell’ordine del milione di euro in termini di pernottamenti, ristoranti, trasferimenti, shopping, visite a musei e spettacoli. È imminente ad esempio IAS-13 (13th Conference on Intelligent Autonomous Systems) che porterà a Padova 300 scienziati della robotica mondiale. Annuncio al proposito che abbiamo acquisito un altro importante congresso che si terrà nella primavera 2015, denominato INTERPORE, una conferenza annuale la cui edizione 2014 si è appena svolta nella città di Milwaukee, Wisconsin, USA. Altri congressi internazionali stanno per essere acquisiti e pensiamo di poter fare molto di più ancora grazie alla partecipazione a Italia Convention Bureau.
Tornando a Italia Convention Bureau, va menzionata la presenza nel consiglio di gestione del “padovano” Giorgio Palmucci, amministratore delegato di TH Resorts e presidente nazionale AICA-Confindustria, la sezione delle catene alberghiere nazionali associate a Confindustria.
< torna indietro