home | Faq |

Italia al sesto posto nei congressi

Lunedì 9 Giugno 2014

PadovaOttime prospettive per Padova dalle analisi che abbiamo condotto sui dati ICCA 2013.
ICCA (International Convention Center Association) è l’organizzazione globale leader nel settore dei congressi associativi cui aderisce anche Centro Congressi Padova.
Nel 2013 ICCA ha registrato lo svolgimento di 11.825 eventi associativi internazionali nel mondo. Di questi ben 6.333 eventi in Europa.  A Francoforte, durante la fiera IMEX del 19-21 Maggio scorsi, è stata presentata la classifica mondiale di come i vari paesi “gareggiano” nell’attrarre meeting internazionali.
Come è posizionata l’Italia? Molto bene, al sesto posto mondiale, con 447 eventi ospitati nel 2013.
C’è da dire che questa classifica tiene conto solo di meeting di almeno 50 partecipanti, di provenienza internazionale e che periodicamente sceglie a rotazione una città tra almeno 3 differenti stati. Quindi un meeting internazionale che alterna Francia e Italia non rientra in queste analisi.

Sono da mettere in luce altri due elementi importanti per comprendere bene queste statistiche.
Il primo, i meeting associativi a rotazione tendono a preferire le capitali o comunque le città maggiormente attrattive da un punto di vista dell’ospite internazionale. Ecco quindi che sulle 212 città in Europa che si sono suddivise 6.333 eventi, la parte del leone la fanno le capitali, come Parigi, Madrid, Vienna, Berlino, Londra, Lisbona. 
E come sono posizionate le città italiane nella classifica europea?
 
  • Roma è al 15° posto con 99 eventi,
  • Firenze al 26° posto con 46 eventi,
  • Milano al 28°  posto con 43 eventi,
  • Torino al 33° con 34 eventi,
  • Venezia al  65° posto con 21 eventi.

L’altro elemento da mettere in luce è che per uno straniero la destinazione Padova è una semplice variante della destinazione Venezia. Partecipare ad un congresso nella città del Santo è considerata una ghiotta occasione per visitare la città lagunare.

Tornando alle potenzialità di Padova, consideriamo che nel database ICCA vi sono 12.184 eventi classificati e di questi ben 5.900 potenzialmente potrebbero scegliere l’Italia secondo il meccanismo della “rotazione”.
Quali sono le affluenze abituali di questi congressi associativi? 4381 hanno una affluenza abituale sotto i 600 partecipanti che possono essere ben ospitati nella nostra città, mentre una minima parte (328) hanno una affluenza abituale sopra i 1.400 partecipanti.

Emergono poi dalle statistiche anche le preferenze sul tipo di sede preferita per il congresso: per Padova le strutture preferite sono il Centro Congressi e l’Università, mentre vengono poco considerati gli hotel.
Interessante anche il dato sulla proiezione della capacità di spesa di ogni congressista, calcolata sulla base della conference fee. La conference fee è mediamente il 22% della spesa totale del congressista, che notoriamente spende in pernottamenti, trasferimenti, cene e anche spettacoli, biglietti per i musei, e l’immancabile shopping.
< torna indietro