home | Faq |

Intervista a Stefania Agostini

Mercoledì 17 Aprile 2013

Stefania Agostini, General Manager del Convention Bureau di Rimini, ci ha concesso una lunga ed interessante intervista che nessun organizzatore di eventi dovrebbe perdersi.

La manager della riviera romagnola infatti opera nel settore dagli inizi degli anni '80 ed ha seguito tutte le trasformazioni del territorio riminese. Oggi può quindi raccontare davvero come si costruisce il futuro del congressuale.

Pubblichiamo la prima parte dell'intervista, mentre la parte restante sarà pubblicata la prossima settimana.
 

Le nuove tendenze nei congressi: parla Stefania Agostini, General Manager del Convention Bureau di Rimini

Stefania Agostini General Manager Convention Bureau Rimini

Domanda: la situazione economica dal 2008 ad oggi ha costretto imprese e associazioni a rivedere profondamente la modalità (e i costi) nella gestione degli eventi. Come sempre in caso di cambiamento, nascono nuove esigenze e quindi si sviluppano nuove opportunità. Negli ultimi 5 anni, quali sono diventati i servizi più richiesti?

Stefania Agostini: "I servizi più richiesti sono quelli legati all’information technology perché, comunemente usati nella vita quotidiana, vengono richiesti anche nella struttura congressuale. Ad esempio, sia il centro storico di Rimini sia il palazzo dei congressi hanno una copertura wi-fi."


 

Domanda: la tecnologia può favorire anche la mobilità in città per i congressisti?

Stefania Agostini: "Certo, dato che l’altro punto da migliorare è l’accessibilità alla destinazione e al centro congressi: i congressisti arrivano con l'auto, ma giunti a destinazione la vogliono utilizzare il meno possibile. Preferiscono di gran lunga raggiungere il palazzo dei congressi a piedi, in bicicletta, in modo più intelligente e salutare.  Il Convention Bureau della Riviera di Rimini, ad esempio,  mette  a disposizione una app (una applicazione per smartphone e tablet, ndr) che consiglia diversi tipi di percorso per andare dall’hotel dove si alloggia al palazzo dei congressi, differenziando il percorso più breve da quello più ameno."
 

Migliorare l'accessibilità al palazzo dei congressi


Domanda: quali servizi sono richiesti per coinvolgere il partecipante fin dal momento dell'arrivo?

Stefania Agostini: "I servizi di accredito veloce: permettono di evitare file all’arrivo e di entrare subito nel vivo del congresso; una volta c'era una maggiore presenza di personale assistente, oggi è la tecnologia che la fa da padrone."
 

Far conoscere ai congressisiti le offerte del territorio


Domanda: come è possibile far conoscere ai congressisti le offerte del territorio?

Stefania Agostini: "Per il post-congress ed eventuali accompagnatori, viene chiesta alla destinazione o al PCO locale una esperienza autentica della città dove viene realizzato l’evento e non solo dei percorsi eno-gastronomici standard. Il turista congressuale non vuole servizi per le grandi masse ma vuole poter scegliere tra una offerta autentica e unica del territorio. Ce lo chiedono sempre di più. 

Non dimentichiamo, infine, il tema del miglioramento dell’accessibilità: stiamo dando una mano al nostro aeroporto (di Rimini, ndr) ad aumentare il numero di voli e a migliorare i collegamenti con Bologna."

 

(Il seguito dell'intervista verrà pubblicato la prossima settimana).
 

< torna indietro